Lun. Set 26th, 2022

Sono partiti dalla piazza di un martire del fascismo, piazza Matteotti, e sono arrivati fino alla Cassarmonica, simbolo della Città e della rinascita che ancora attende nonostante le tante promesse di restyling della politica.

Un corteo per gridare alla città, oramai inerme e disorientata dopo lo scioglimento per infiltrazioni camorristiche il 24 febbraio 2022, che a Castellammare di Stabia manca tutto: carenza di impianti sportivi dove i giovani potrebbero svolgere attività educative e per la cura del proprio fisico per restare anche alla larga da quella malavita sempre pronta ad ammaliare con la promessa del potere e del denaro facile.

Adesso sta alla triade commissariale raccogliere le rimostranze di tanti cittadini e tante associazioni per valorizzare i milioni, milioni e milioni di euro, che ancora una volta stanno per piovere a Castellammare di Stabia ma con la speranza che questa volta e senza politica a tirare i fili del burattinaio se ne faccia un uso assolutamente migliore. ‘E chest’è!

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.