Sab. Nov 26th, 2022

La notizia di un esponente di primo piano del Pd che contrattava voti con la camorra, ha soppiantato il contenuto della inchiesta in cui era contenuta questa rivelazione.
L’inchiesta Cerbero ci consegna un quadro inquietante. A Castellammare c’è una diffusa, capillare, millimetrica ed anche un po’ stracciona, attività estorsiva. Quasi tutti pagano. Chi 100 euro, chi mille, chi cinquemila, moltissimi esercenti versano il loro obolo a Scanzano. Lo fanno in silenzio senza lamentela alcuna. Un popolo abituato a lamentarsi di tutto e per tutto, innanzi alla prepotenza dei camorristi paga e sta zitto.
E’ grave, gravissima la connessione camorra politica e bene ha fatto il PD, ad annunciare la espulsione di chi risulterà di aver scambiato favori per i voti dei clan. Ma altrettanto grave è questa assuefazione della città alle mafie senza reazione.
Le carte della Commissione Antimafia ci hanno svelato un quadro in cui una la giunta di centrodestra ed il sindaco Cimmino si sono consegnati mani e piedi alla camorra. Ma soprattutto hanno consegnato la città ai clan. È un fenomeno che ho subito sulla mia pelle in campagna elettorale, i clan si sono mossi per fermarmi.
Ma è evidente oggi, che una modalità di avere rapporti con i clan è stata trasversale. Ha riguardato una consorteria economico criminale, accordatasi per garantire una sorte di democrazia della alternanza della malagestio. Alternanza che rischiava essere messa in discussione dalla nostra coalizione Civica. Il peso più insopportabile di quei giorni, non furono le minacce, ma il silenzio che mi circondò e l’indifferenza di chi poteva agire e scelse di non farlo o di muoversi nella direzione sbagliata. È il silenzio che oggi va sconfitto per poter contrastare la camorra e la sua prepotenza. Perché il silenzio dei giusti rischia di essere soppiantato dalle parole e dalle azioni di vendetta di chi si è visto sovvertire i disegni criminali.

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *