Un ulteriore costo, che sarà pagato in surplus dai contribuenti stabiesi, per permettere alla ditta che sta espletando il servizio di trasporto scolastico con mezzi evidentemente obsoleti (perché non immatricolati come da capitolato nel 2019 ed almeno euro 5 ndr.) e piccoli di capienza di avere a disposizione al 4° Circolo didattico all’Annunziatella un terzo mezzo per evitare le scene che si sono già viste nelle settimane scorse con mezzi costretti a svolgere più corse causa Covid-19 e genitori invitati a scuola a riprendere i propri figli per evitare le lunghe attese. 17mila euro circa dal comune di Castellammare di Stabia per tagliare la testa al toro e risolvere almeno per 94 giorni scolastici la problematica. Bene! Bravi!! Bis!!! Ma anche no. Perché? E perché i consiglieri comunali di opposizione del comune di Castellammare di Stabia, a quanto apprendiamo, non hanno avuto ancora alcuna risposta dall’ufficio scuola sulle denunce in primis del nostro blog (LEGGI ARTICOLO 1,2,3) e restano a tutti gli effetti dormienti con la polizia locale di fronte alle evidenti irregolarità, che sono regolarmente continuate anche stamattina. Chi controlla il controllore? A questo punto ai posteri di TAZ l’ardua sentenza. ‘E chest’è! 

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.