(di Genny Manzo) A raccontarci la storia, che fa gridare al miracolo a corso De Gasperi a Castellammare di Stabia, scenario della esplosione avvenuta nel commissario di P.S., è uno dei soci e fisioterapista della Fisiorehab, che esercita proprio al fianco della palazzina deflagrata quando erano da poco passate le ore 15.30.

“Avevamo una seduta con una scuola calcio cittadina, proprio nell’orario dell’esplosione – racconta Giuseppe Rotondale a Stabia24 -, e proprio per rispettare le regole anti Covid-19 nel posto della deflagrazione, dove è arrivato veramente di tutto,

 

si sarebbero dovuti ritrovare e potevano essere coinvolti almeno venticinque bimbi.

 






 

 

Fortuna ha voluto che l’appuntamento, in accordo con i responsabili della scuola calcio, è stato rinviato – ha continuato Rotondale -, e quindi ci siamo ritrovati al momento dell’esplosione nella struttura solo io e il mio socio a contare i danni con i vigili del fuoco, impauriti ma miracolosamente illesi”, ha concluso.











Di desk

Un pensiero su “Castellammare. Esplosione al commissariato di P.S.: “Potevano essere coinvolti almeno venticinque bimbi””
  1. L’importante è che nessuno si è fatto male, e ringraziando il SIGNORE , domani parleremo solo di BELGIO= ITALIA .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *