Nessuna consultazione da parte del sindaco-duce, Gaetano Cimmino, alla Commissione toponomastica, lasciata completamente all’oscuro per le nuove intitolazioni in città e quindi anche per il Viale degli Artisti in villa comunale, degno del miglior Istituto Luce del ventennio.

 

 






 

Tutti dimissionari, e anche quel Pierluigi Fiorenza, che da sempre si è mostrato vicino all’amministrazione del fare e al nefasto ufficio comunicazione del neo dittatore stabiese, ha deciso di mollare. ‘E chest’è! 

 






Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *