Mer. Set 28th, 2022

Stanno applicando parzialmente il mio Piano“,  a dirlo è l’ingegnere stabiese, Francesco Cesarano, progettista del Piano Urbano Mobilità, quello che a detta dell’assessore alla mobilità del comune di Castellammare di Stabia, Gianpaolo Scafarto, e per stessa ammissione di Cesarano: “Funzionava troppo bene per una città come Castellammare di Stabia“. 

E allora per farlo funzionare meno bene qualcuno pensò di “scippare” il piano all’ingegnere innamorato della propria città e affidarlo a una professionista che, per la modica cifra di euro 30 mila,  lo rese così com’è

Adesso, dopo appena due giorni di piano pezzotto di Totò Cimmino e Peppino Scafarto: la città è in fiamme, super trafficata, piena di smog e oramai dai balconi i cittadini documentano, a decine e decine foto e video, e li pubblicano sui social con violentissima ricaduta sull’immagine della città e dell’amministrazione del fare incapace, e capace di fare solo ammuina. 

Mi sono stufato con questa amministrazione – continua l’ingegnere Cesarano a Stabia24 – L’Ascom vuole incontrarmi e io ci andrò, così spiegherò in modo molto chiaro perché il comune di Castellammare di Stabia dovrà applicare alla lettera il mio piano, altrimenti Castellammare di Stabia sarà sempre trafficata“. 

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.