Sab. Ott 1st, 2022

Si ripropone lo scontro che dura oramai da due anni tra il sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino e qualche dirigenti comunale che, di proroga in proroga e di negligenza in negligenza ha svilito – secondo quanto sostiene Cimmino in consiglio comunale – il ruolo politico dell’amministrazione del fare, che resta al palo su alcuni temi caldi. Il caso di specie trattato dal primo cittadino stabiese nella seduta di oggi è quello del bando sulle spiagge libere scaduto nel 2017 e, di proroga in proroga, arrivato fino ai giorni nostri e non aver ancora le spiagge affidate ai gestori per la negligenza del dirigente di settore, Giovanni Miranda. Perché il sindaco nero di rabbia e di abbronzatura, nel suo lungo monologo nell’Aula dedicata a Falcone e Borsellino non lo nomina mai ma è chiaro chi fosse il destinatario dell’ennesima querelle estiva di un sindaco ostacolato nell’azione politica dalla dirigenza di palazzo Farnese.

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.