Lun. Set 26th, 2022

A pochi mesi dalle elezioni amministrative nella Città della Pasta è pronta la prima crisi politica al Comune di Gragnano.

I riposizionamenti degli ex big del partito Cesaro e Pentangelo a livello nazionale stanno portando anche qui in provincia di Napoli a una sorta di revisione, dopo il cambio di bandiera politica di riferimento qui a Gragnano da parte del sindaco D’Auria da Forza Italia ad Italia Viva di Renzi e Rosato.

Se i seguaci vecchi e nuovissimi di Fulvio Martusciello e lo stesso Martusciello hanno scelto di proseguire la propria strada politica senza Luigi ed Armando Cesaro, e tutti i riferimenti sul territorio in Campania, fra poche settimane ed a bocce ferme si apriranno le epurazioni contro i seguaci di Annarita Patriarca vecchi e nuovissimi.

Tra i possibili epurati da D’Auria anche il fratello dell’ex sindaco di Forza Italia al comune di Castellammare di Stabia, Michele Cimmino che, nonostante la disponibilità data in sede  politica a fornire il suo sostegno alle politiche al combo Italia Viva e Azione improvvisamente si è come si dice in questi casi rigirato scegliendo una delle nemiche giurate dell’amministrazione gragnanese, Annarita Patriarca.

Tutto questo porterà ad epurazioni come già detto ma anche a nuovi ingressi in maggioranza da parte della minoranza capeggiata dall’ex sindaco, Paolo Cimmino. ‘E chest’è! 

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.