Sab. Ott 1st, 2022






 

 

Va via la commissione d’accesso e ritornano i misteri, le censure o, addirittura, la sparizione all’albo pretorio di atti di indagine di consiglieri comunali nell’esercizio delle proprie funzioni. Perché se da una parte dell’emiciclo intitolato a Falcone e Borsellino di palazzo Farnese qualcuno sonnecchia per ovvi motivi o al alza e abbassa la mano di tanto in tanto c’è chi come il consigliere comunale di LeU, Tonino Scala,

 

 






 

 

continua a ricercare la verità anche sulla malagestio nel settore della monnezza a Castellammare di Stabia, porre domande (seppur senza risposte anche in questa circostanza ndr.) e produrre un risultato finale di un lavoro su una dettagliatissima relazione assolutamente diversa da quella edulcorata prodotta dall’amministrazione del fare (chiacchiere anche questa volta ndr.). Dove è terminata l’inchiesta di Scala sulla Am Tecnology, carissima segretaria generale, Loredana Lattene? Ah, saperlo! 

 

 






Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.