Dom. Gen 29th, 2023




Tutto l’iter procedurale amministrativo con la regione Campania fu seguito in prima persona dall’ex sindaco di Castellammare di Stabia, Antonio Pannullo, la sua amministrazione e dall’attuale consigliere regionale, Mario Casillo,

con il pieno avallo del presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca.

E anche per la parte operativa e la chiusura degli allacci abusivi fu iniziata da  Pannullo e portata avanti nonostante non fosse più sindaco di Castellammare di Stabia da febbraio 2017, con le prime interruzioni fatte dalla Gori nel 2018.

Ma un sindaco disperato, come lo è oramai da qualche tempo Gaetano Cimmino, sta tentando in queste ore (attraverso le sue due colonne alla comunicazione diventate oramai colonnette ndr.) di rigirare la frittata anche su questo e prendere (in modo assolutamente squallido ndr.) tutti i meriti.

 

 




 

 

 

Un sindaco e un’amministrazione di incapaci, incantatori di serpenti, che continuano ad investire male i soldi dei cittadini stabiesi per non dire sperperare decine, e decine, che diventeranno centinaia, e centinaia di migliaia di euro in attesa delle vagonate di milioni e milioni di euro dei fondi sull’ambiente, che potrebbero arrivare da qui a qualche tempo a palazzo Farnese, per il cosiddetto Recovery Fund del governo Draghi. ‘E chest’è! 






Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *