Sab. Set 24th, 2022




 

 

Il nucleo investigativo Carabinieri di Torre Annunziata durante le attività investigative di uno dei tanti filoni dell’Operazione Olimpo pone sotto i riflettori della procura oplontina anche il cellulare del sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino, che viene intercettato mentre parla con un noto costruttore stabiese, vecchio amico di famiglia e del vice sindaco, Fulvio Calì,

che durante un altro colloquio – captato questa volta in auto dal reparto dell’Arma – si lasciò andare a confidenze con un “… fedelissimo del clan Alfieri …”: “ORA TENGO L’AMMINISTRAZIONE, ABBIAMO FATTO L’AMMINISTRAZIONE NUOVA A CASTELLAMMARE”, e continua: “IL SINDACO DI CASTELLAMMARE DI STABIA LO SAI COME SI CHIAMA E LA GIUNTA LO SAI? SONO IO. PENSA CHE GLI ASSESSORI LI HO NOMINATI TUTTI IO”. Poi la conversazione tra i due – sempre captata dal nucleo investigativo Carabinieri di Torre Annunziata – finisce sugli ipotetici lavori da iniziare a fare a Castellammare di Stabia con la cosiddetta amministrazione del fare di Cimmino e Calì: “DEVONO ARRIVARE TRENTA MILIONI DI EURO…“, rivolti alla messa in sicurezza (a livello sismico ndr.) delle “DISASTRATE” scuole stabiesi o del vesuviano da affidare al costruttore o ditte prestanome.

 

 




 

 

L’utenza cellulare del sindaco Cimmino viene intercettata dai Carabinieri per la prima volta nell’ottobre 2018…

(3.Continua)

 







Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.