Il pescione con la botta nel barile, che fraveca e sfraveca a Castellammare di Stabia dall’alba fino all’imbrunire, già sapeva tutto dal mese di giugno per quanto concerne i lavori al viadotto del San Marco, che non iniziarono come un pugno. L’Anas è una società troppo seria per svegliarsi un mattino e decidere di imbottigliare la città delle ex Acque, come fece con il PUM, il pescione Gaetanino…




Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *