Cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia. È una regola matematica che, a quanto sembra, si può applicare tranquillamente anche al PUM di Totò e Peppino, che riesce con l’eliminazione di una rotatoria e qualche senso obbligato qua e la fino ai confini con Gragnano ad “alleviare” il traffico in via regina Margherita, viale Puglia e metà viale Europa ma dirotta il caos a via Marconi, via Amato, piazza Spartaco, via Tavernola, via Roma e traverse adiacenti.




Nonostante il mini lockdown attuato da De Luca anche la periferia subisce le ripercussioni di questi cambiamenti con incolonnamenti in entrambi i sensi anche dove il PUM non viene applicato in via sperimentale. ‘E chest’è!




Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *