Dom. Ott 2nd, 2022

Un periodo sostanzialmente breve e una cifra stanziata a base d’asta di 29 mila euro per tentare di risolvere, in emergenza, il disservizio delle lampade votive nei cimiteri comunali di Castellammare di Stabia fino a ieri affidati a una ditta interdetta dall’antimafia perché – secondo le indagini della Dia – legata a un clan camorristico. Una situazione tampone, quella dell’amministrazione Cimmino, che dovrebbe partire a settembre e protrarsi per tutto il 2021 dopo le tantissime critiche di questi giorni di un cimitero completamente al buio nonostante i cari degli estinti abbiano anche pagato in anticipo per la fruizione del servizio.

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.