Sab. Ott 1st, 2022

Il nuovo mondo ci impone una nuova fase. Chiudere spazi, credo non sia la giusta soluzione.
Semmai bisogna individuarne altri e recuperare quelli esistenti. Castellammare è una città complessa, dove gli spazi verdi sono pochi e pensare che la soluzione oltre alla regolamentazione sia di chiuderli è profondamente inadeguato per il momento. L’isola pedonale ritengo sia cosa buona e giusta, lo sostengo da qualche tempo immemore mi auguro che non sia solo intesa come chiusura di una strada per ingolfarne altre, l’isola pedonale è un nuovo modo di concepire la città”, lo ha detto Tonino Scala, consigliere comunale di Liberi Uguali.
“Credo che non sia il momento di chiudere – ha continuato Scala – ma di aprire nuovi spazi. Comprendo le paure, le preoccupazioni di chi governa, ma il momento di provare a individuare nuovi spazi non di aggregazione vista la fase, ma di passeggio, di contatto con la natura di riscoperta della stessa, altrimenti ci saranno sempre assembramenti”.
“Credo sia giunto il momento di provare a riaprire Villa Gabola, chiusa da troppo tempo unico polmone per un quartiere di venti mila abitanti come il rione San Marco.
Dare dignità ai boschi di Quisisana, ai giardini del re all’interno del parco della Reggia per provare a portare gente in altri spazi che non siano solo villa.
Poi, so che può sembrare una provocazione, ma vi assicuro che non lo è, perché no anche di pensare di riaprire il parco delle Nuove Terme? E perché non quello delle Antiche Terme?
Questa è l’unica strada per ridurre il contagio, riprendersi spazi e città.
Come fare? Programmando e costruendo progetto più ampio con aiuto della Regione e della città metropolitana utilizzando i lavoratori delle terme, ma nel frattempo nell’immediato chiedere ausilio di Associazioni, guardie ambientali, Protezione civile”, ha concluso.

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.