Sab. Ott 1st, 2022

“Ho scritto una lettera al governatore della Regione Campania per chiedergli di valutare, nel rispetto dei principi e delle regole di salvaguardia della salute pubblica, l’opportunità di sensibilizzare il Governo nel prevedere una ripresa delle attività di centri estetici, parrucchieri, toelettatura di animali e Ncc”, lo ha detto il sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino.

“Queste attività – ha continuato il primo cittadino stabiese – sono state fortemente penalizzate da questa fase di emergenza ma che potrebbero essere svolte adottando le adeguate misure di prevenzione e sicurezza attraverso l’utilizzo dei necessari e obbligatori dispositivi di protezione individuale, con prenotazioni e ingressi contingentati, in modo tale da garantire la possibilità di preservare la salute del lavoratore e del cliente”.

CUna scelta al vaglio anche di altre Regioni, affidandosi al senso di responsabilità e alla maturità che finora ha dimostrato tutta la popolazione della Campania. Stiamo combattendo una battaglia fianco a fianco, come istituzioni. E la battaglia sarà vinta se tuteleremo la salute di tutti i cittadini ed anche le loro prospettive future, facendo ripartire l’economia del territorio senza lasciare indietro nessuno”, ha concluso.

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Un pensiero su “Il sindaco Cimmino scrive a De Luca per centri estetici, parrucchieri, toelettatura e Ncc”
  1. Fa molto piacere a noi cittadini sapere di quanto si sta facendo per sconfiggere definitivamente il covid, tenendo conto di tutte le precauzioni da prendere per noi e per gli altri a noi congiunti. Pertanto vorremo far notare al sindaco e alla stessa Regione di non trascurare le periferie della citta’ in particolare modo le zone collinari, i rivi che dalla montagna arrivano sino al centro antico e in essi viene sversata ogni cosa…vi sono cumuli di immondizia che occludono il libero corso delle acque reflue e le stesse acque si infiltrano nel suolo causando danno ai palazzi sorti negli ultimi anni nella zona di Quisisana…non solo il continuo assorbimento del suolo di queste acque da vita a una fitta vegetazione e la dove non si è provveduto da anni , la vegetazione e i rovi hanno superato i palazzi…dando vita altresi a topi , serpenti, talpe, zanzare tigri e altro….in alcune strade ormai è impossibile praticarle come la stradina che fiancheggia il palazzo Cimmino in via Fratte, ormai chiusa da anni e abbandonata completamente. Si spera di sollecitare l’amministrazione ad occuparsi di questa zona collinare di C/Mare di Stabia…le autorità e ad avere riscontro da esse. Con Osservanza. Carmela Santonicola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.