Sab. Nov 26th, 2022

Avrebbero diritto più di chiunque altro ma a quanto apprendiamo dagli ex lavoratori del polo siderurgico Montefibre di Acerra, smantellato nel 2004, l’imprenditore pronto a costruire dal 10 aprile 2022 una nuova realtà produttiva proprio nella terra di Pulcinella non è assolutamente interessato a loro: Alessandro Vescovini, della SBE Varvit, dice “no, grazie” alle 250 famiglie che attendono una risoluzione per quanto concerne la proprio vertenza, che in quasi 20 anni ha portato non solo a tante sofferenze lavorative e sociali ma a malattie e morti da esposizioni all’amianto.

 

 

Una situazione che potrebbe degenerare molto presto e quindi, per evitare che tutto questo avvenga proprio per l’imminente approdo dell’imprenditore reggiano-emiliano, i rappresentanti del comitato lavoratori ex Montefibre ha chiesto un incontro ad horas al Mise e alla Regione Campania per ricordare a Vescovini – ma anche a chiunque altro venga ad investire ad Acerra -, che sussiste proprio dal 2004 un protocollo d’intesa firmato dal governo dell’epoca, il governo Berlusconi, attraverso il ministro del Mise dell’epoca, Gianni Letta, ed a quel tavolo e a quelle sedie sedette pure la Regione Campania, con l’allora presidente Caldoro (oggi consigliere regionale di Forza Italia ndr.) e l’assessore al lavoro Nappi (oggi consigliere regionale della Lega ndr.). ‘E chest’è!

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *