Evitare gli assembramenti e le presenze nei luoghi dove è ancora troppa elevata la possibilità di poter accedere liberamente e rimanerci a lungo senza alcuna protezione e senza alcuna tracciabilità, e quindi rischiare di diffondere il Covid-19. 

 

 

 






 

 

E per cercare di evitare tutto questo, l’amministrazione Cimmino, dopo aver chiuso le scuole di ogni ordine e grado a partire da lunedì 10 gennaio è pronta a chiudere la villa comunale e l’arenile nei prossimi giorni. Decisioni necessarie, sulla falsa riga di quelle volute dal presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca: pronto a un vero e proprio braccio di ferro contro il governo nazionale del premier Draghi e del ministro Speranza, che continuano a considerare la situazione epidemiologica della Campania da “zona bianca”. ‘E chest’è! 

 

 

 






Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *