Dom. Gen 29th, 2023






I sindacati Cgil e Uilm scendono nuovamente in campo per i lavoratori traditi dai gruppi aziendali Fontana, Vescovini e quei sindacati autonomi servi del padrone di turno, e si ritrovano fuori dai cicli produttivi da oltre un anno per responsabilità che vanno ricercate anche nella politica nazionale, regionale e locale. E proprio per mettere un freno a tutto questo schifoso immobilismo circa 25 esodati ex Meb e SBE Sud si sono dati appuntamento ieri mattina per discutere del futuro e di quel passato che doveva essere rinascita ed invece si è dimostrato solo l’ennesimo bluff.

 

GUARDA LA DIRETTA DI GENNY MANZO

 






 

Il sindaco Cimmino, dal canto suo e come fa sempre con tutti, ha mostrato grande disponibilità e preparerà un documento politico da condividere con tutte le parti in causa, magari in un prossimo consiglio comunale, ma la realtà dice che questa amministrazione comunale – a pochi settimane da un ipotetico scioglimento per camorra -, non può garantire proprio niente e sarà difficile al momento collocare questi lavoratori, e solo un forte impegno da parte delle istituzioni veramente del fare potrebbe restituire dignità a tutti loro e farli ripartire (anche attraverso quei sussidi e corsi di formazione, che sono quotidianamente finanziati per tutti ma non per loro ndr.) in attesa che in quell’area a corso Alcide De Gasperi a Castellammare di Stabia, dove sorgeva la Meridbulloni e videro svanire (in un freddissimo dicembre dello scorso anno ndr.) il proprio “piatto caldo”, presto arrivi qualcuno ad assumerli magari attraverso una clausola vincolante e di salvaguardia: questo è solo l’ultimo impegno preso dai sindacati confederali al tavolo istituzionale di ieri. ‘E chest’è! 

 

 






Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *