Sab. Ott 1st, 2022




Tutto prosegue come da copione a Monfalcone mentre i lavoratori ex MEB continuano a portare avanti l’avventura iniziata con l’imprenditore, Alessandro Vescovini, da circa un mese e l’anno di formazione al nord della SBE Sud. Si continua a predicare pazienza e credere nei confronti di coloro che hanno saputo fare solo passerelle fino al giorno della partenza dei 54 lavoratori. Ma oggi tutto sta diventando molto più chiaro e anche l’immenso sacrificio lontano dalle famiglie dei 54 – diventati 50 dopo appena una settimana di formazione -, sembra non valer più la candela per almeno un’altra dozzina.




Il 31 marzo, termine dato per la ricerca del suolo si prolungherà facendo entrare in un  limbo molto pericoloso solo i lavoratori con le famiglie visto che Vescovini, fino ad oggi, non ha messo a disposizione neanche una navetta per tutti i lavoratori, che purtroppo si devono caricare oltre il lavoro quotidiano nella fabbrica multinazionale e multilingue la stanchezza degli spostamenti, e iniziano a rimpiangere quello che avevano: visto che da Torino, dai circa 20 colleghi che hanno deciso di proseguire la propria vita lavorativa con Giuseppe Fontana, tutto va meravigliosamente.  ‘E chest’è! 







Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.