Mer. Set 28th, 2022






 

 

A Monfalcone continuano a rimbalzare notizie e anticipazioni tra i lavoratori rimasti nell’avventura (alquanto sventurata ndr.) della SBE al Sud (ma al Nord) di Alessandro Vescovini. Sono rimasti, è proprio il caso di dirlo, ancora in piedi appena 22 lavoratori dei 55 partiti in autobus in una notte di febbraio dell’anno scorso: l’umore è pessimo, c’è scoramento e totale abbandono da chi era stato deputato ad assisterli e rappresentarli a livello sindacale; e proprio per tutto questo e vista l’apertura di dialogo della politica regionale sulla vertenza portata avanti dalla Fiom-Cgil in Campania e nello specifico nel cantiere di corso De Gasperi a Castellammare, altri potrebbero dare fiducia ai rappresentanti Santorelli e Vitolo, firmare la conciliazione di circa 10mila euro con l’imprenditore reggiano-emiliano  ed imboccare la strada del ritorno presto Castellammare:

 

 






 

 

mentre è voce, proprio di ieri, di un possibile “stop” delle trattative per la SBE Vervit anche per Acerra, nell’area interdetta dal 2004 della ex Montefibre, e il ritorno ad una vecchia ipotesi già emersa in passato in un’area del comune di Carinaro in provincia di Caserta. ‘E chest’è!

 

 






Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.