Si ritorna come ai vecchi tempi in Fincantieri a Castellammare di Stabia e, dopo alcune ore di blocchi e scioperi decisi dai sindacati qualche giorno fa, ai quali decisero di aderire i lavoratori dell’indotto, ora che la posta in palio sembra veramente grossa e oscura sugli approdi crocieristici nell’area portuale concessa a Fincantieri a scendere in campo, contro l’azienda e la politica: disponibile solo a chiacchiere ma stranamente silente e lontana dalle urla e gli striscioni di protesta diventati oramai roventi come un tempo, sono tutti i lavoratori del cantiere navale stabiese, prontissimi allo sciopero.






Castellammare di Stabia è una polveriera, e l’ennesimo annullamento del varo del troncone francese, programmato in gran segreto questa mattina dopo il primo annullamento di qualche giorno fa, è la dimostrazione lampante. ‘E chest’è! 






Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *