(di Genny Manzo) Le segnalazioni alla polizia locale e alle istituzioni del comune di Castellammare di Stabia durano da mesi e anche per parte nostra abbiamo provato nella giornata di ieri a sensibilizzare il primo cittadino stabiese, Gaetano Cimmino, ammutolito probabilmente dal rischio scioglimento per infiltrazioni camorristiche nella sua casa comunale anziché badare anche al “sommerso”, di criminali senza scrupoli, che continuano a fare affari d’oro tra via De Turris e via Gesù al centro antico di Castellammare di Stabia, utilizzando anche vere e proprie caverne da allestire illegalmente ad uso abitativo passando per i luoghi dove in queste ore si stanno girando le riprese del film di Andrea Porporati, RosaNero. Un tentativo di rilancio e sviluppo del brand Castellammare di Stabia, secondo il primo cittadino del fare che, nei fatti, continua solo a nascondere la verità sotto allo cosiddetto zerbino, che continuiamo ad apprendere grazie a quei cittadini stabiesi coraggiosi e virtuosi che non si arrendono, insieme a noi, ai tentativi di distrazione di massa, che molte volte rischiano di diventare connivenza. In attesa di essere smentiti e chi dovrebbe fare finalmente il proprio dovere… 

…ECCO LA TESTIMONIANZA ARRIVATA ALLA NOSTRA REDAZIONE 

Buonasera Genny. Mi rivolgo a te poiché vedo il tuo interesse quotidiano nei confronti dei cittadini Stabiesi. Sono mesi che segnalo un problema: al centro antico un negozio è stato fittato a degli stranieri del Bangladesh, che vendono abusivamente in città, e che lo utilizzano per dormire, cucinare e mangiare.

 






 

Non sono razzista anzi ho rispetto di tutti ma li ho invitati più volte a cucinare, diciamo così, meno pesante… Cosa che non è mai accaduta. Conclusione siamo costretti a stare barricati in casa per l’odore forte delle proprie preparazioni culinarie. I vigili fingono di venire ma poi non ci vengono più di qua. Come potrei risolvere la questione con un’amministrazione tanto disinteressata?

 

 






Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *