Sab. Set 24th, 2022

È un’opera dell’architetto Marcello Canino – colui che progettò anche le Terme Stabiane di piazza Amendola – e, per questo, la Soprintendenza di Napoli ha invitato a fermare tutto e anche le opere di creazione all’interno della stazione – di proprietà dell’Eav di via Acton – di un Bed and Breakfast e qualche altra attività commerciale. Una nota verso la quale il manager dell’Eav, Umberto De Gregorio, potrà fare ben poco visto che la struttura è stata addirittura considerata intoccabile. Ora bisognerà comprendere come si procederà per il futuro: il presagio, che sembra quasi una certezza, è che senza investimenti concreti per ristrutturare il tutto la struttura rischi seriamente di rimanere così come l’abbiamo trovata questa mattina per chissà quanti anni. E tutto questo ci sembra assolutamente inaccettabile se si considera la presenza di un polo internazionale strategico della cantieristica navale italiana ma soprattutto un impianto termale per la quale fu edificata.

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.