Sab. Set 24th, 2022

Opere iniziate nel 2015, sotto l’amministrazione PD del sindaco Cuomo e protratte fino ai giorni nostri (senza vedere in molti casi addirittura l’ultimazione o il collaudo definitivo delle opere). I carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata – da quanto si apprende dalle pagine del quotidiano Metropolis di questa mattina – avrebbero captato alcune conversazioni dove si farebbe chiaro riferimento ad alcune forniture concordate direttamente con i referenti camorristici del clan “Quelli la sopra stanno apposto…”. Addirittura, in altre intercettazioni – sempre all’attenzione dei militari dell’arma torresi –  ci sarebbe il pestaggio di un operaio per una fornitura di cemento. Insomma, nei periodi iniziali delle opere realizzate con i fondi europei del PIU EUROPA – che vide l’egemonia del Partito Democratico a Castellammare di Stabia – si sta scoprendo – anche grazie a dei pentiti – che, a palazzo Farnese (con l’ausilio di dipendenti comunali infedeli), nulla si “muovesse” nei lavori pubblici senza l’assenso diretto del clan.

Commenta con il tuo profilo Facebook ebook

Di desk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.